Tutto quello che vuoi sapere lo trovi qui!

Tutto quello che vuoi sapere lo trovi qui!

Umidità

umidita

Le principali cause di degrado di intonaci e murature sono facilmente riassumibili in due categorie: umidità di risalita e umidità d’infiltrazione; in entrambi i casi l’acqua presente nel terreno penetra nelle murature veicolando i sali in essa disciolti.

Le conseguenze più evidenti si manifestano con il distacco delle pitture, la comparsa di efflorescenze saline, lo sgretolamento dei rivestimenti di finitura fino ad arrivare al distacco degli intonaci.

Trascurare un intervento di risanamento significa permettere all’umidità di ridurre l’isolamento termico dell’edificio fino al 50%, favorendo la comparsa di muffe e funghi che possono essere causa di rilevanti danni igienici quali allergie, malattie delle vie respiratorie, nausee ed emicranie.

Umidità d’Infiltrazione

Causa: generalmente il degrado da infiltrazione si riscontra in locali interrati (cantine o garage) o in pareti contro terra di locali adibiti ad abitazione.

Come si risolve: gli interventi per risolvere un problema di umidità dovuta all’infiltrazione sono molteplici:

– Dopo aver stonacato la superficie su cui lavorare, è possibile intervenire con un processo di iniezioni di resina apposita dall’interno verso l’esterno sull’estradosso in modo da andare a creare nella parte esterna quello strato di impermeabilizzazione che è venuto a mancare o addirittura non era stato predisposto durante i lavori; questo tipo di lavorazione è eseguibile quando le murature su cui andiamo a lavorare sono costituite da mattoni, tufo o pietra.

umidità di infiltrazione
– Quando il supporto su cui dobbiamo andare a lavorare è calcestruzzo, allora la procedura varia considerevolmente: dopo aver stonacato la superficie di lavoro è importantissimo eseguire una pulizia di essa con una sabbiatura; dopo questo passaggio si interviene con 2 passate di boiacca impermeabilizzante Penetron per andare a risolvere il problema. Se si vuole avere un risultato estetico, oltre che funzionale, è possibile eseguire una controparete ventilata davanti alla muratura in questione o altrimenti eseguire sopra alla boiacca posata, un intonaco deumidificante; queste 2 soluzioni permettono di avere una finitura estetica, ma garantiscono una totale traspirabilità del sistema con il conseguente smaltimento della condensa che verrebbe a crearsi. In questa situazione, tutti i punti di conduzione dell’acqua (lamelle di getto, scansette, nidi di ghiaia, ecc…) devono essere trattati in maniera particolare prima di eseguire il lavoro con la boiacca Penetron.

– Dopo aver stonacato ed aver effettuato la solita sabbiatura per la pulizia superficiale della muratura, è possibile eseguire intonaci impermeabili, capaci di lavorare contro la spinta dell’acqua.

Umidità di Risalita

Causa: l’umidità di risalita è spesso causata da un errato isolamento orizzontale che permette all’acqua presente nel terreno di risalire per capillarità all’interno della muratura e di manifestarsi, inizialmente con la comparsa di macchie umide sulla superficie dell’intonaco fino ad arrivare al distacco delle finiture e delle pitture.

Come si risolve: l’eliminazione definitiva del fenomeno di risalita è possibile solamente mediante l’esecuzione di una barriera chimica all’interno della muratura; l’utilizzo di intonaci deumidificanti è un efficace intervento in grado di contrastare il degrado delle murature rendendo gli intonaci molto più longevi, ma non elimina la causa; gli intonaci deumidificanti possono durare da cinque a dieci volte più a lungo dei normali intonaci.

Dove gli spessori non permettono un intonaco deumidificante, è possibile utilizzare specifici rasanti deumidificanti a basso spessore senza dover più demolire in quanto sono in grado di risanare in 1 solo centimetro di spessore. Grazie all’avvento delle nuove tecnologie è possibile ora risanare e coibentare nello stesso tempo mediante l’impiego di appositi pannelli risananti e termoisolanti a basso spessore. Se anziché risanare la muratura, la prerogativa principale diventa il fatto che a lungo termine la facciata rimanga sempre bella come il primo giorno, allora sarebbe l’ideale prendere in considerazione il cosiddetto “risanamento estetico” con l’esecuzione di una facciata ventilata atta a coprire la parte ammalorata e, grazie alla ventilazione, a smaltire l’umidità che va a crearsi tra la muratura esistente e la facciata eseguita.